Vuoi conoscere gli stili base di Wordpress?

Una guida base sugli stili di WordPress da usare nei tuoi progetti

Scritto il: 20 ottobre 2013 - Aggiornato il: 20 settembre 2017 Blog aziendali

Per realizzare e gestire un sito dinamico in modo facile e veloce, ci si affida sempre di più a WordPress che grazie alla sua facilità di gestione viene preferita ad altre tipologie di CMS (Content Management System).
Dopo aver scelto la piattaforma di utilizzo, si può decidere se installare temi  già esistenti (attraverso la ricerca di temi all’interno della scheda “Aspetto”) oppure creare un tema WordPress in modo da avere un controllo completo della struttura e del codice sorgente.

File di base da utilizzare in un tema di WordPress

  •  index.php, contiene la struttura della pagina iniziale del sito.
    L’utilizzo di questo file permette la personalizzazione della home page che è da considerasi un’alternativa alla scelta di impostare una pagina come home  (per compiere questa operazione dovete andare nella pagina Impostazioni ->Lettura, selezionare la voce “una pagina statica” e scegliere la pagina che preferite);
  •  style.css, rappresenta  il foglio di stile principale del tema e contiene i riferimenti principali al tema che stiamo creando (Per fare riconoscere il  tema a WordPress, dovete specificate il nome del tema inserendo il codice Theme Name: Il mio primo tema).
    All’interno di questo file vengono specificati gli stili grafici del sito come l’aspetto dello sfondo, il tipo di carattere utilizzato e tutti i diversi stili degli oggetti che compongono la struttura del nostro sito;
  • header.php, che rappresenta l’header del tema WordPress, contiene l’intestazione del sito che in HTML solitamente è raccolta dentro il tag <head> (titolo della pagina, meta-tag description, richiami ai css utilizzati all’interno del tema) e il richiamo del menù di navigazione;
  • footer.php, solitamente contiene i riferimenti al copyright e le principali informazioni di contatto.

Dopo la creazione della struttura base del tema, potreste avere la necessità di effettuare integrazioni come:

  • Gestione dello stile e creazione del menu multi-livelli e css delle gallerie  predefinite di WordPress;
  • Specificare alcune impostazioni agli articoli: impostare le immagini in evidenza (denominate post thumbnails) e la tipologia di formato di un articolo;

Menù multilivello su WordPress

Inizialmente per realizzare alcune di queste aggiunte come la creazione di menu multi-livello, ci affidavamo all’uso di plugin che avevano lo svantaggio sia di rallentare il sito che vincolarci alla scelta limitata di stili css predefiniti.
Dopo aver sperimentato questo approccio, abbiamo preferito utilizzare un sistema maggiormente vantaggioso e svincolato da eventuali aggiornamenti come l’utilizzo di alcuni file del tema base “Twentyten”:

  • Il file functions.php [scarica il codice sorgente di functions], contiene le istruzioni utili per registrare nuovi widget (ad esempio da utilizzare come sidebar laterali o sidebar nel footer), specificare il formato di un articolo (aside, image, galleria), indicare il nome del menu principale;
  • Il file style.css [scarica il codice sorgente di style];  in cui specificare lo stile predefinito del menu di default e del menu multilivello, gestire il colore e il tipo di carattere utilizzato all’interno di un widget.